Cosa sono e come funzionano le assicurazioni temporanee

assicurazioni-temporaneeLe assicurazioni temporanee rappresentano una concreta opportunità di risparmio per tutti coloro che hanno la necessità di sottoscrivere una polizza per il proprio veicolo (auto o moto che sia) per un periodo di tempo limitato e dunque preferiscono evitare le spese dovute ad una polizza annuale. Insomma, chi percorre pochi chilometri o chi usa l’auto per pochi giorni o poche settimane all’anno può usufruire di queste assicurazioni che ci consentono di risparmiare in maniera più che consistente.

Le diverse caratteristiche

E’ possibile distinguere, in sostanza, due diversi tipi di assicurazioni temporanee: quelle che sono valide per un certo chilometraggio o quelle che sono valide per un certo periodo di tempo.

Nel primo caso, la polizza è valida solo fino al raggiungimento di una certa soglia di chilometri coperti, mentre nel secondo caso la polizza è valida solo per l’arco di tempo considerato, che può essere un solo giorno, un fine settimana, una settimana o un mese. Benché possa sembrare strano, sono molti i casi in cui si può avere bisogno di un’assicurazione per un periodo così ristretto: per esempio, nell’eventualità in cui un veicolo non assicurato debba essere trasferito da un posto a un altro (una vettura parcheggiata in cortile e non più utilizzata che deve essere portata a demolire) il ricorso a un’assicurazione temporanea di tipo giornaliero permette di effettuare il trasferimento, e cioè guidare quel veicolo sulle strade pubbliche, rispettando la legge ed evitando qualsiasi genere di inconveniente.

Quali sono i vantaggi?

Ma i benefici derivanti dalle assicurazioni temporanee sono molteplici: basti pensare a chi vive in una grande città e quindi è solito muoversi con i mezzi pubblici, ma quando deve andare in vacanza usa la macchina. In questo caso, la vettura può essere assicurata unicamente per il periodo in cui viene impiegata (per esempio, un mese), evitando di pagare la polizza per il resto dell’anno. Nella maggior parte dei casi, le assicurazioni temporanee possono arrivare fino a un massimo di tre mesi: è sempre meglio, in ogni caso, accertarsi delle condizioni che vengono applicate dalle diverse compagnie assicurative.

Le assicurazioni temporanee chilometriche

Un particolare tipo di assicurazione temporanea è, come già accennato, quello individuabile nelle polizze pay for use, cioè a chilometri: si paga, insomma, solo per i chilometri percorsi. Il costo di tale soluzione non può che dipendere, evidentemente, dal numero di chilometri coperti: la somma complessiva da corrispondere si ottiene moltiplicando il numero di chilometri che si pensa di percorrere in un anno per il premio base. L’accertamento dei chilometri coperti spetta direttamente alla compagnia assicurativa, che lo esegue ricorrendo a un dispositivo satellitare. Naturalmente, nel caso in cui la soglia di chilometri venga superata, è prevista una penale, che può essere fissa oppure aumentare progressivamente con l’aumentare dei chilometri in più.

I costi

Insomma, le assicurazioni temporanee si caratterizzano per la possibilità di garantire risparmi concreti: ma quali sono, nello specifico, i prezzi e le spese richieste? In linea di massima, si ritiene che un’assicurazione temporanea offra un risparmio del 50 % nei confronti di una polizza classica nel caso in cui si decida di circolare (e quindi di pagare) solo per dieci giorni in un anno; per chi circola per cento giorni in un anno, invece, il risparmio ottenuto è circa del 25 %.

Vale la pena di menzionare alcune delle assicurazioni temporanee più note, che vengono proposte dalle compagnie assicurative classiche: si va da Autometrica Formula Start di Axa a Sara Free (che è a chilometraggio, a patto che non si superino i 10mila chilometri in un anno) passando per Sesto Senso KM di Allianz e Autotempo, che costituisce l’equivalente italiano di Autotime, prodotto assicurativo francese.

L’assicurazione temporanea conviene davvero?

Non rimane che chiedersi, a questo punto, se le assicurazioni temporanee siano realmente convenienti oppure no. Ebbene, una risposta univoca non può essere data, poiché i costi dipendono – ovviamente – dalle condizioni che vengono applicate dalle diverse compagnie; è bene comunque tenere in considerazione che a volte può rivelarsi più conveniente, sotto il profilo economico, decidere di sottoscrivere una assicurazione online e sospenderla nel caso in cui essa non venga più utilizzata perché il veicolo a cui fa riferimento rimane inattivo. Per questo motivo, spesso le assicurazioni temporanee vengono considerate alla stregua di concorrenti dirette delle polizze online e delle polizze sospendibili. La scelta delle une o delle altre deve essere effettuata in funzione delle specifiche esigenze individuali, eventualmente dopo avere richiesto e consultato uno o più preventivi in modo da avere a disposizione un quadro globale più chiaro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title="" rel=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

Newsletter

Iscriviti oggi e rimani aggiornato sulle ultime novità dal mondo delle assicurazioni